Capodanno del Minatore 2024

Capodanno del Minatore

2^ Edizione Capodanno del Minatore tra Tigullio e Cinque Terre

L’Esperienza di Capodanno

Tigullio Trekking e BioTigullio5Terre hanno il piacere di presentare a tutto il pubblico di amiche ed amici la Seconda Edizione del Capodanno del Minatore in Val Graveglia – GE.

Dopo il grande successo dell‘edizione passata con oltre 50 partecipanti da tutto il Nord Italia, invitiamo nuovamente tutte/i a questa seconda edizione del Capodanno del Minatore tra Tigullio e Cinque Terre avendo apportato alcune modifiche importanti che renderanno l’esperienza ancora più local. Fatta questa doverosa premessa di seguito proponiamo la nuova esperienza di Capodanno 2024.

L’Esperienza come sempre si tratta di 3gg/2nt, da trascorrere al casalingo tepore del camino di una delle nostre strutture agrituristiche, con la Cena / Cenone (le cene e Cenone in base alla scelta del 30/31-12-2023 o dell’1-1-2024), saranno a base esclusiva di pietanze a km0 e di specialità locali, con un buon vino Rosso o Bianco della Riviera Ligure di Levante che BioTigullio5Terre servirà a tutti i nostri amici.

Il Cenone:

  • Gli Antipasti: Insalata russa, salumi e torte salate.
  • I Primi: Ravioli di magro al ragù, Fettuccie di farina di Castagne in Salsa di Noci
  • I Secondi: Punta di Vitello e patate al forno, cotechino con lenticchie
  • Dolci: Torte delle Casa
  • Brindisi: Panettone e Spumante
  • Bevande: Acqua, Vino e Caffè

Inoltre non Vi faremo mancare la certa degustazione di ben 5 Vini Bio Dinamici (con visita alle vigne) di una prestigiosa azienda vitivinicola ‘Triple A’ a soli 6/7 Km dalla struttura ospitante in cui saremo alloggiati.

Se tutto questo non bastasse, una nostra guida Vi condurrà alla scoperta del Cammino del Minatore (7 Km per 2h. 30min. di durata) il 31/12 dalle 14.00 alle 16.30 ad una tariffa stracciata: GRATIS! E dopo… Tutti pronti per festeggia al ritmo di musica anni 90/2000 l’arrivo del nuovo anno che siamo certi ci regalerà a tutti quanti, tante cose belle!

Di seguito:

Capodanno del Minatore 30-31/12/2024 ecco cosa comprende:

  • 2 Pernotti per 2 persone in camera doppia matrimoniale (in ospitalità diffusa) con prima colazione
  • 1 Degustazione per 2 persone di 5 Vini Biologici e Bio Dinamici accompagnate da pietanze locali
  • 1 Cena per 2 persone in struttura agrituristica
  • Guida Gratuita per partecipare alla passeggiata sull’antico Sentiero del Minatore (8 Km circa 2h e 30 min)
  • 1 Cenone di Fine Anno per 2 persone
  • Accompagnamento musicale di sottofondo con Dj – musica anni 80/90
  • 1 Kit Salsa di Noci o Pesto Genovese, 1 Vino Vermentino o Vino Ciliegiolo 1 Pasta a scelta tra tagliolini, trofie o trenette by BioTigullio5Terre

L’Offerta può essere esperita nei giorni 30 – 31/12 con check-out l’1/1

Totale € 235,00 a testa


Capodanno del Minatore 31-01/01/2024 ecco cosa comprende:

  • 2 pernotti per 2 persone in camera doppia matrimoniale (in ospitalità diffusa) con prima colazione
  • 1 Cenone di Fine Anno per 2 persone
  • Accompagnamento musicale di sottofondo con Dj – musica anni 80/90
  • 1 Cena per 2 persone in struttura agrituristica
  • Guida Gratuita per partecipare alla passeggiata sull’antico Sentiero del Minatore (8 Km circa 2h e 30 min)
  • 1 Kit Salsa di Noci o Pesto Genovese, 1 Vino Vermentino o Vino Ciliegiolo 1 Pasta a scelta tra tagliolini, trofie o trenette by BioTigullio5Terre

L’Offerta può essere esperita nei giorni 31 – 01/12 con check-out il 2/1

Totale € 215,00 a testa

Per richiedere informazioni è necessario compilare il form cliccando QUI!

Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti >> Struttura Ospitante (circa 10 Km. – 20 min.)

Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti >> Struttura Ospitante (circa 10 Km. – 20 min.)

Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. A Botasi continuare fino a raggiungere la Loc. di Arzeno, circa 4 Km.

Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. A Botasi continuare fino a raggiungere la Loc. di Arzeno, circa 4 Km.

capodanno del minatore 2024 val graveglia tigullio

    Nome: *

    Cognome: *

    E-mail: *

    Telefono: *

    Provincia: *

    Tipo di Esperienza: *

    Data di Arrivo: *

    Numero di Persone: *

    Note (Campo Richiesto): *

    Accetto la Privacy Policy

    Anello faggeta Monte Zatta

    anello della faggeta monte zatta passo del bocco

    Anello faggeta Monte Zatta 1404 m. s.l.m.

    Descrizione Sintetica

    Tigullio Trekking e BioTigullio5Terre hanno il piacere di presentare a tutto il pubblico di affezionati, l’Anello della Faggeta del Monte Zatta 1.404 m. s.l.m. dalle cui pendici affacciate sul Mar Ligure a 950 m. s.l.m. nasce il torrente Graveglia il quale da il nome anche alla sua bellissima valle.

    L’anello della faggeta del Monte Zatta si tratta di un Cammino della lunghezza di circa 8/9Km percorribile in 4h/4h 30min. Per intraprendere questo cammino dobbiamo raggiungere autonomamente il Passo del Bocco nel Comune di Mezzanego posizionato alla ragguardevole altezza di quasi 1.000 m. s.l.m. (956 m.). Il Passo del Bocco mette in comunicazione la Liguria con l’Emilia Romagna mentre a levante congiunge la Provincia di Genova con quella di La Spezia. In questo stupendo spartiacque naturale troviamo il bar Anna Maria (aperto tutto l’anno) che a pranzo offre anche servizio di ristorazione mentre il Rifugio del Bocco (lascito Devoto) apre da Pasqua in poi nei fine settimana.

    Abbandoniamo qui i nostri mezzi imboccando la provinciale carrabile in direzione di Varese Ligure per arrivare dopo poco più di 500 m. di morbida salita nei pressi del laghetto del Bocco dove sulla destra troviamo un bivio che si spinge a monte, e questo che inforchiamo è quello che ci condurrà lungo l’itinerario odierno.

    agenda anello faggeta monte zatta
    profilo altimetrico anello faggeta monte zatta

    Scarica la traccia gps per utilizzarla in Google Maps o in una delle tante App similari, da QUI! (il file è compresso e contiene un file .gpx ed uno .kml)

    Da Parma: E33 Uscita Borgotaro: seguire in direzione Ostia Parmense SS523 >> Borgo Val di Taro SS523 >> in Loc. Bertorella la strada diventa SP4 la si prosegue fino in Loc. Ponte dove si svolta seguendo la direzione per Santa Maria del Taro poco dopo la SP4 diventa la SP359R. Giunti a Santa Maria del Taro mancano poco più di 6 Km. a destinazione. Si prosegue per Giaiette sul confine regionale giungendo in breve sulla cresta del crinale, al Passo del Bocco.

    Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Carasco >> Terrarossa >> qui al bivio a destra imbocchiamo la strada provinciale SP26bis. Proseguire in direzione San Siro Foce >> Montemoggio >> continuiamo sulla SP26bis per altri 6,5 Km fino a raggiungere la bella insegna del Passo del Bocco.

    Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Carasco >> Terrarossa >> qui al bivio a destra imbocchiamo la strada provinciale SP26bis. Proseguire in direzione San Siro Foce >> Montemoggio >> continuiamo sulla SP26bis per altri 6,5 Km fino a raggiungere la bella insegna del Passo del Bocco.

    La partenza del Cammino

    Lasciamo la SP49 che porta verso la Val di Vara in provincia di La Spezia imboccando sulla destra una vecchia carrabile sterrata che conduce al bivio successivo. Da qui si prosegue obbligatoriamente solo a piedi. All’edicola con le informazioni generiche riguardanti la faggeta dello Zatta svoltiamo in direzione Croce Zatta.

    partenza faggeta monte zatta

    Quando abbiamo fatto la nostra uscita domenicale sullo Zatta, era febbraio e da sole tre settimane aveva fatto una bella nevicata. Quindi non preoccupatevi se vedete dei resti nevosi, sono fenomeni che capitano occasionalmente e fanno soltanto che bene al cuore.

    Comincia la salita nel bosco magico, si sale costantemente per circa 4 km fino ad arrivare alle sorgenti del Monte Prato Pinello. Qui è d’obbligo far rifornimento d’acqua fresca e poi riprendere un po’ di fiato. C’è anche una bella panchina con un tavolo, manufatti in legno molto utili proprio ora che abbiamo deciso di gustare il nostro buon panino con affettati e formaggi locali che nella nostra sacca domenicale non possono davvero mancare mai.

    sorgente monte prato pinello

    Dopo esserci rifocillati si prosegue per un ultimo strappo in salita con una pendenza più importante di quella precedente. In poco tempo ci portiamo sulla vetta per raggiungere i prati ancora spelacchiati del Monte Pinello a 1392 m. s.l.m. Il panorama che ci accoglie è da brividi. Una vista magnifica a 180° che toglie completamente il fiato. Il sole ci da il benvenuto scaldandoci ed obbligandoci ad un altro breve stop. Ci lasciamo cadere letteralmente a terra sulla soffice erba ancora bruciata dalla neve e dal ghiaccio ma già adeguatamente riscaldata dalla temperatura odierna.

    vista panoramica dal monte prato pinello

    Monte Zatta e ritorno al punto di partenza

    Abbandoniamo a malincuore il caldo prato del Monte Pinello per proseguire tutto in cresta sulle sommità del Monte Zatta. Ricordiamo che alcuni tratti del sentiero sono piuttosto esposti ed i precipizi sottostanti sono di notevole impatto soprattutto per chi soffre di vertigini. La strada da percorrere per arrivare dalla vetta di levante 1.404 m. s.l.m., alla Croce Zatta 1.406 m. ed infine alla cima di ponente 1.366 m. s.l.m. sono in totale quasi 2 Km. Il Monte Zatta non ha una vera e propria unica sommità ma è una grande criniera che domina alle spalle del Golfo della Riviera Ligure di Levante.

    Giunti sulla cima più occidentale una bella madonnina ci saluta e ci augura un felice ritorno. Noi La ringraziamo con un buon pensiero e Le porgiamo un arrivederci alla prossima mentre lentamente ci incamminiamo verso valle. La discesa inizialmente risulta esposta sul filo della montagna ma poi si entra finalmente nel fitto della faggeta. Qui è solo pace e relax e tutti i sensi paiono assopirsi. Qualche rivolo d’acqua che scende dalle pendici ci offre la possibilità di rifornire di nuova acqua fresca le nostre borracce.

    discesa monte zatta da ponente

    Poco più giù arriviamo a Poggio Buenos Aires (area attrezzata) ed all’ex Colonia Devoto costruita nel 1933 e poi lasciata all’abbandono ed all’incuria più totale. Sembra un film già visto, una delle tante storie di gestione all’italiana. Interessante però di questa storia è ricordare che un certo Antonio Devoto orfano abitante della valle ed emigrato in Argentina (Buenos Aires), dopo aver fatto cospicua fortuna, decise di voler contribuire con opere che avrebbero fornito alla comunità rurale un motivo di riscatto. Purtroppo non tutto è andato come da lui sperato. Oggi l’ex colonia sembra la location ideale per girare l’ennesimo film dell’orrore.

    Ma intanto arriviamo nuovamente al sedime carrabile dove poco più in là ci attende la nostra auto che ci riporterà a casa dopo questa magnifica domenica trascorsa tra meravigliose valli e gli appennini del nostro entroterra ligure.

    Tigullio Trekking e BioTigullio5Terre Point – Degustazioni, Relax, Divertimento ed Ospitalità

    • Volete andare a mangiare in un Agriturismo nei dintorni? Desiderate una Guida che Vi narri le vicende della Valle? Avete bisogno di una navetta, oppure di un Kit Merenda per la passeggiata? Chiamateci al +393470716432 o Scriveteci sul Form dei Contatti qui sotto!
    • Oasi nel Verde presso Tigullio Trekking Point: mangiate il Vostro panino da noi, e poi assaggiate una Birra Artigianale o un Vino Biologico a Km0
    • Possibilità di Degustare ed Acquistare moltissimi Prodotti del Territorio
    • Parcheggio al sicuro
    • Ospitalità
    • Connessione Wi-Fi gratuita

      Accetto la Privacy Policy

      Cammino Religioso in Liguria tra Storia Tradizioni e Folklore Tappa 2

      monte manico del lume e monte pegge

      Cammino Religioso in Liguria

      Tappa 2: Montallegro – Sant’Andrea di Foggia

      Cosa Vedremo:

      Passo della Crocetta

      La seconda tappa del Cammino Religioso in Liguria investe una tipica visione del territorio ligure collinare con zone coltivate e ampie aree volte alla macchia mediterranea. Da qui spesso è visibile il mare e in giornate di particolare limpidezza pure la Corsica e il profilo della costa ligure sia a levante che a ponente.
      La zona tocca le vette più alte del comprensorio a cominciare dal Passo della Crocetta a 599 m. s.l.m. per salire fino al Rifugio Margherita a 774 m. s.l.m. con una pendenza accertata del 20.8%.

      passo della crocetta rapallo

      Monte Pegge Rifugio Margherita

      Il rifugio fu edificato dal locale gruppo alpini – CAI Rapallo -, che lo gestisce, nel 1991 in luogo di un’antica struttura militare di osservazione degli aerei, usata durante il secondo conflitto mondiale.
      Tradizione vuole che il rifugio sia stato dedicato alla mamma della proprietaria, che concesse il terreno per l’edificazione.

      monte pegge rifugio margherita rapallo

      Monte Manico del Lume

      Il percorso raggiunge poi il Manico del Lume a 801 m. s.l.m., dove si trova una croce e un pannello sull’orografia della zona. Da qui è possibile spaziare con la vista in ogni dove, e merita soffermarsi un momento per lasciarsi accarezzare dalla brezza fresca e perché no,  per concedersi un poco di raccoglimento dinnanzi a tanta bellezza.

      monte manico del lume

      Chignero e Sant’Andrea di Foggia

      La discesa raggiunge Chignero frazione del Comune di Rapallo a 380 m. s.l.m. e la locale Chiesa di S. Andrea da Foggia o della Madonna del Carmine, che viene in effetti festeggiata il 16 luglio.
      L’indicazione di ‘foggia’ non indicherebbe la località pugliese ma sarebbe piuttosto l’italianizzazione della versione dialettale di ‘foglia’.

      chiesa santandrea di foggia rapallo

      Vai alla Guida della Tappa 2

      Elenco delle Tappe:

       

      Richiedi maggiori Informazioni

        Nome: *

        Cognome: *

        E-mail: *

        Telefono: *

        Provincia: *

        Tipo di Esperienza: *

        Data di Partenza: *

        Numero di Persone: *

        Note (Campo Richiesto): *

        Accetto la Privacy Policy

        Cammino Religioso in Liguria tra Storia Tradizioni e Folklore Tappa 1

        cammino religioso in liguria cattedrale chiavari e santuario montallegro

        Cammino Religioso in Liguria

        Descrizione:

        Il Cammino Religioso in Liguria, è un itinerario ad anello con partenza ed arrivo a Chiavari. Il cammino si snoda su circa 65 Km di strade, sentieri e vie e lo si percorre comodamente in cinque (5) giorni e quattro (4) notti. Ecco di seguito le Cinque (5) meravigliose tappe che toccano ed attraversano borghi marinari, luoghi di culto e località turistiche. Per citarne solo alcune: Santuario di Nostra Signora di Montallegro, I Ruderi del Monastero di Valle Christi (Rapallo), Il Lazzaretto di Bana, Ruta di Camogli, San Lorenzo della Costa, San Fruttuoso di Capodimonte, Portofino, Santa Margherita Ligure, San Michele di Pagana, Rapallo e Zoagli.

        Tappa 1: Chiavari – Montallegro

        Cosa Vedremo:

        Chiavari

        La città conserva a Palazzo Rocca importanti testimonianze del proprio passato con l’antica necropoli preromana risalente all’antica popolazione dei Liguri Tigulli. In realtà però l’abitato, come molte altre realtà del territorio ligure, ebbe una sicura origine medievale, di cui oggi si rammenta la citazione dell’antica chiesa di San Giovanni Battista, ricordata nel tessuto urbano fra il 1181 e il 1182 insieme ad altri edifici religiosi, che progressivamente arricchirono il centro urbano.
        La città nei secoli seguì le sorti dell’antica Repubblica Genovese e nei secoli XVII e XVIII nacquero alcuni importanti palazzi come il Palazzo dei Portici Neri e Palazzo Rocca che poi portarono alla progressiva espansione del centro abitato fuori dall’antico nucleo medievale e dalle antiche mura. Chiavari è anche la capitale del Macramè, un merletto creato secondo un’antica tecnica di origini marinare. Si segnala poi la via porticata Carruggio Drito, che costituisce uno dei punti più significativi della città. Nota di curiosità è il passaggio di Dante nella sua Divina Commedia: “Intra Siestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella“.

        cammino religioso in liguria chiavari centro storico

        Nostra Signora dell’Orto

        La Chiesa parrocchiale di Chiavari è stata realizzata nel XVII secolo con numerosi rifacimenti successivi. Eretta nel medesimo luogo dove si trovava dipinta su di una colonna, in un orto, un’immagine della Madonna tra i Santi Sebastiano e Rocco, curata da Benedetto Borzone nel XVI secolo. La chiesa oggi si presenta in una forma neoclassica con un grande pronao all’ingresso e colonnato con capitelli corinzi, curato dall’architetto Poletti. Nella chiesa oggi a tre navate si riscontrano sculture lignee della scuola del Maragliano e la volta affrescata da Carlo Barrata nel 1805.

        chiavari cattedrale nostra signora del orto

        Nostra Signora delle Grazie

        Si tratta di un edificio di cui si hanno notizie certe dal XV secolo, anche se probabilmente esso ha una origine più antica. Nato inglobando progressivamente altre strutture cultuali già esistenti. All’interno vi sono importanti pareti affrescate risalenti al XVI secolo sia quella di Antelmo Piaggio che il giudizio universale di Luca Cambiaso.

        affreschi santuario nostra signora delle grazie chiavari

        Santuario Nostra Signora di Montallegro

        Il Santuario si trova nell’omonima frazione di Rapallo a quota 612 m s.l.m., di cui la relativa Madonna è la patrona cittadina. La Chiesa fu edificata a ricordo dell’apparizione della Madonna al contadino Giovanni Chichizola il 2 luglio 1557. La Madonna lasciò al contadino una prezioso piccolo quadro d’origini bizantine a ricordo dell’apparizione. Nella chiesa si trovano preziose opere di Nicola Carlone, Luca Cambiaso ecc. tutte appartenenti al periodo del Barocco genovese. Nell’edificio si trova un ricco patrimonio di ex voto.

        santuario nostra signora di montallegro rapallo

        Vai alla Guida della Tappa 1

        Elenco delle Tappe:

         

        Richiedi maggiori Informazioni

          Nome: *

          Cognome: *

          E-mail: *

          Telefono: *

          Provincia: *

          Tipo di Esperienza: *

          Data di Partenza: *

          Numero di Persone: *

          Note (Campo Richiesto): *

          Accetto la Privacy Policy

          Cammino nel Tigullio tra Monti Mare e Borghi

          cammino nel tigullio trekking

          Trekking e Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi

          Il Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi è un’iniziativa ideata e promossa da BioTigullio5Terre, il portale del Tigullio e delle Cinque Terre, assieme a Tigullio Trekking. Si tratta di una vacanza all’insegna del turismo lento, del turismo che non crea impatto ambientale, del turismo green attento e rispettoso della storia dei luoghi, delle tradizioni secolari in esse conservate, dell’arte culinaria del territorio, dei suoi prodotti locali e delle bellezze paesaggistiche. Per valorizzare tutto questo nasce anche il Negozio di BioTigullio5Terre.

          Il Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi è un itinerario ad anello di 65 Km. (di cui 35 Km su terra e mulattiere il restante suddiviso tra piccole strade comunali, compresi tratti su asfalto, cemento e pietre) che, partendo da Chiavari, porta in quota per seguire i crinali montani ed osservare dall’alto quello specchio marino d’un azzurro penetrante che per tutto il tempo non abbandonerà mai i camminatori. Sale al Santuario di Nostra Signora di Montallegro, percorre sulla dorsale le cime più alte dell’anfiteatro naturale del Golfo del Tigullio raggiungendo i 774/801 m. s.l.m. Infine discende per antichi sentieri e per antiche crêuze attraverso poco conosciuti borghi rurali, chiese, chiese millenarie, abbazie, antichi oratori, lazzaretti, castelli, santuari, cappelle nascoste, ristori speciali, persone ansiose di poter raccontare la storia dei luoghi. Il percorso sale poi verso il Monte di Portofino e l’Abbazia di San Fruttuoso. Da qui un piacevole viaggio in battello (primero) per approdare e visitare Portofino e poi nuovamente a piedi fino a Santa Margherita Ligure, San Michele di Pagana, Rapallo. Ora tutto si snoda sulla litoranea per fare infine ritorno a Chiavari non prima di aver conosciuto la panoramicissima frazione di Sant’Ambrogio di Zoagli, poi la romanica San Pantaleo per giungere  in breve nel borgo di Zoagli ed a seguire le due stupende frazioni di San Pietro e Sant’Andrea di Rovereto.

          Informiamo tutti i Camminatori e le Camminatrici che è importante prendere contatto con il nostro staff. La segnaletica che è del CAI / FIE non spesso è buona e quindi non ci prendiamo responsabilità che non sono le nostre. La segnaletica ufficiale, è in fase di completamento in quanto ci vogliono i dovuti permessi dagli enti preposti. Quindi abbiamo fatto stampare la mappa cartacea 1: 22.0000 ed abbiamo tracce GPX oltre che una meravigliosa guida descrittiva che Vi invieremo dopo averci contattato e deciso di partire. Grazie per la collaborazione!

          cammino nel tigullio tra monti mare e borghi promozionale 

          Il cammino si articola su 5 giorni e 4 notti. Lo staff di Tigullio Trekking mette a disposizione tutto ciò che può tornare utile al camminatore durante la sua vacanza: locali, strutture, ospitali convenzionati dove poter dormire, mangiare, fare colazione ad un prezzo onesto e poi ripartire più ricchi dentro e più carichi che mai verso la magia del giorno successivo. Questo è il Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi!

          Un cammino adatto a tutti ed a tutte le tasche

          In cinque giorni e quattro notti poter vivere e vedere tante bellezze paesaggistiche tutte assieme, sembra impossibile. Il cammino è stato concepito per renderlo possibile.

          Tracce gps, fotografie, brevi video, contatti locali e tutto quello che c’è da sapere per affrontare ogni giorno le varie tappe in totale tranquillità. Tutto questo lo trovate contattando lo staff di Tigullio Trekking al telefono +393470716432  whatsapp +393470716432 via Form dei Contatti.

          Lo spirito di questo cammino è che possa essere accessibile a tutti ed a tutte le tasche. Lo staff di Tigullio Trekking crede che sia possibile visitare in maniera non dispendiosa borghi famosissimi come Portofino, Santa Margherita Ligure e Zoagli. Questo patrimonio deve essere per tutti e non solo per coloro che solcano le strade con auto sfarzose o i mari con imbarcazioni lussuose.

          Ci spingiamo oltre dicendo che questo è anche un cammino sociale, che mira a rispettare il territorio e ad essere parti attive del progetto, ad esempio: raccogliendo strada facendo una bottiglietta di plastica, abbandonata sul ciglio della strada, per poi riporla nella sua giusta destinazione finale.

          Piantina Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi ad anello

          Per chi è pensato, cosa portare e cosa fare

          L’itinerario è pensato per le famiglie con figli dai 12 anni in su. Per giovani e meno giovani, comitive, gruppi, coppie che vogliono prendersi uno spazio per se stessi, al contempo spirituale e mondano. L’attraversamento delle cime può essere faticoso per questo è necessario sempre prestare la massima attenzione.

          Un tratto della Tappa n. 2, è segnalata come livello di difficoltà EE, inoltre la stessa anche se non ha un importante sviluppo chilometrico, è la tappa più dura dell’intero cammino e la discesa in 40 min. dagli 800 m. s.l.m. ai 380 all’interno di un antico bosco di castagni, lungo una ciclopica scalinata in pietra (la direttissima), mette sempre a dura prova anche i camminatori e le camminatrici più allenate. In ogni caso se si posseggono i rudimenti di cammino in montagna non ci saranno problemi alcuni. Si possono portare ovviamente con sé gli amici a quattro zampe che saranno sempre i benvenuti. Le tappe variano dai 12 ai 17 km giornalieri e non superano mai le 5/6/7 ore di durata massima.

          Le tappe di montagna sono ovviamente quelle più impegnative e quindi è necessario non dimenticare quanto segue:

          • Periodo migliore per affrontarlo: aprile/maggio/giugno – settembre/ottobre/novembre
          • Tenda (per chi vuole dormire in tenda – 3 nt. su 4 è possibile. Per chi non desidera dormire in hotel può decidere di accorpare la 4^ e la 5^ tappa in una sola.)
          • 2 magliette a manica corta
          • 1 maglietta a manica lunga
          • Felpa
          • K-way
          • 1 o 2 pantaloni corti ma sotto al ginocchio
          • 1 pantalone lungo (comodo)
          • Cappellino
          • Crema solare
          • Ghiaccio spray
          • Spray anti insetto
          • 1.5/2 l. d’acqua per ciascuno
          • Sali minerali
          • Carboidrati liquidi in busta
          • Racchette da trekking
          • Scarpe da trekking
          • Costume
          • Asciugamano
          • Ricambi vari

          Questo è solo un promemoria di massima. Ognuno poi è libero di fare come più ritiene opportuno in base alla propria esperienza.

          –> NEWS !!!

          NEWS !!! <–

          Elenco delle Tappe:

          • Descrizione
          • Tappa 1 (tipologia: terra / montana)
          • Tappa 2 (tipologia: terra / montana)
          • Tappa 3 (tappa tecnica e corta in prevalenza su asfalto di collegamento verso il monte di Portofino)
          • Tappa 4 (tipologia: terra / traghetto / asfalto)
          • Tappa 5 (tipologia: asfalto, mulattiere, e poi in litoranea fino a Chiavari)

          Scrivici compilando il Form per aiutarti ad organizzare al meglio il Cammino

            Nome: *

            Cognome: *

            E-mail: *

            Telefono: *

            Provincia: *

            Tipo di Esperienza: *

            Data di Partenza: *

            Numero di Persone: *

            Note (Campo Richiesto): *

            Accetto la Privacy Policy

            Tappa 3 – Cammino nel Tigullio da Sant’Andrea di Foggia a San Lorenzo della Costa

            Cammino nel Tigullio tappa n. 3 Chignero San Lorenzo della Costa

            Tappa 3: Sant’Andrea di Foggia – San Pietro di Novella – Strada di Bana – Ruta di Camogli – San Lorenzo della Costa

            Profilo Altimetrico

            Profilo elevazione Tappa 3 Cammino nel Tigullio tra Monti, Mare e Borghi

            Descrizione Sintetica della Tappa 3 del Cammino nel Tigullio

            Nella tappa 3 del Cammino nel Tigullio, se abbiamo continuato la tappa di ieri fino a San Pietro di Novella, il nostro percorso ora riparte da QUI (clicca sul link per procedere oltre). Altrimenti…. Si scende dai 101 m. s.l.m. di Sant’Andrea di Foggia per arrivare  ai 0 m. s.l.m. di Rapallo – Zona Autostrada. Si prende la Via per Santa Maria del Campo, si devia sulla sinistra, qui in direzione San Massimo sono da vedere assolutamente i Ruderi di Valle Christi, in seguito si torna sui propri passi di un paio di centinaia di metri per imboccare l’antica strada di Bana che costeggia l’omonimo torrente. Dopo un breve tratto in pianura si sale con una discreta pendenza fino a Ruta di Camogli, 269 m. s.l.m. (Qui possiamo ammirare la stupenda Chiesa millenaria che si trova nei pressi del tracciato). Arriviamo a Ruta a circa 300 m. s.l.m. e troviamo ad attenderci un fresco punto acqua. Qui in base alla disponibilità delle strutture ospitanti la tappa potrebbe finire o a San Lorenzo della Costa, o già all’interno del Monte del Parco di Portofino.

            • Livello di Difficoltà: per Tutti
            • Tempo medio di Percorrenza: 4 ore circa
            • Lunghezza: 12 km circa

            Sant’Andrea di Foggia – San Pietro di Novella

            Tappa 3 - Cammino nel Tigullio

            Ci mettiamo per strada. Oggi il cammino sarà in gran parte su asfalto ma non per questo meno bello. Anzi dopo due giorni d’erba, di pietre e di sentieri tracciati alla bene e meglio, siamo contenti di cambiare via.

            La strada prosegue in discesa, verso Rapallo, anche perché dobbiamo arrivare a quota mare, o quasi, e discendere dai 101 m. s.l.m. in cui ci troviamo ora. Dopo aver scattato un paio di fotografie alla splendida facciata, ma anche alle ispirate opere d’arte, è tempo di continuare il nostro itinerario odierno.

            A fine discesa, dopo aver superato una fastidiosa cava di pietra con i suoi rumori e la sua polvere, ci ritroviamo a San Pietro di Novella dove di fronte la chiesa possiamo osservare un bel ponte romanico.

            le chiese di Sant'Andrea di Foggia e di San Pietro di Novella

            San Pietro di Novella – Strada di Bana – Ruta di Camogli – San Lorenzo della Costa

            Tiriamo diritto senza esitazioni, superiamo la struttura ospedaliera, la piscina pubblica che d’estate diventa un grande stabilimento balneare lontano dal mare, con le sue due grandi vasche all’aperto fino a raggiungere la rotonda autostradale. Ci inceppiamo un attimo per attraversare il nodo di vie e di svolte ma poi tagliamo in diagonale il tracciato buttandoci a monte in direzione Santa Maria del Campo. dopo 500 m. circa, prendiamo a sinistra in direzione San Massimo lì a poca distanza (circa 200 m.) meriterebbero una visita i Ruderi dell’Abbazia di Valle Christi anno XIII Sec. Superato il ponte deviamo in piano sulla destra per poi proseguire sempre diritti camminando a fianco del torrente. Nelle vicinanze ci colpirà, il verde acceso dei prati del Campo da Golf di Rapallo. Ora che la strada è imboccata non occorre far altro che camminare godendoci il paesaggio che ormai si è trasformato da montano ad urbano.

            rotonda autostrada Rapallo e direzioni cammino

            In questo momento, facendo una leggera deviazione dal percorso, imboccando una strada che porta in alto sulla sinistra, è possibile giungere all’Azienda Agricola “Dolce Fiorita”. Una piccola realtà casearia, a conduzione familiare, dove vi consigliamo di organizzare anticipatamente un brunch a base di formaggi di capra e mucca, accompagnati da focaccia tipica genovese, acqua e un buon bicchiere di vino locale. I formaggi sono lavorati esclusivamente con il latte dei loro capi. Previo accordi e con un numero minimo di partecipanti, è possibile anche effettuare una visita guidata all’interno dell’azienda.

            Fatto ritorno sulla via principale, dopo un paio di Chilometri ci troviamo di fronte allo storico Lazzaretto di Rapallo, se potesse parlare chissà quante ne avrebbe da raccontarci. Un vero peccato che giaccia in questo abbandono. Nonostante tutto ci prendiamo qualche minuto per leggere un breve sunto storico riflettendo sulla nostra strana natura mortale e di quale dovrebbe essere il nostro posto su questo pianeta. Riprendiamo il cammino un po’ in silenzio. Poco lontano da lì incontriamo un vecchio cartello indicante la fine del territorio comunale di Rapallo e l’inizio di quello del Comune di Camogli.

            Lazzaretto di Rapallo cartello di confine Rapallo Camogli

            La strada comincia a salire, passiamo davanti al ristorante il Vecchio Mulino. Il tracciato si fa improvvisamente impegnativo per la sua pendenza e non ci molla fino a quando non giungiamo a Ruta di Camogli, anzi nell’ultimo chilometro si fa terribilmente ardua e stretta. Non riusciamo proprio a capacitarci come possa essere considerata carrozzabile una strada del genere, senza le dovute protezioni ai lati e di simili ridotte dimensioni.

            Chiesa San Michele Arcangelo Ruta di Camogli

            Finalmente giungiamo in cima e ci sorride il campanile della Chiesa secolare di San Michele Arcangelo che svetta e poi ci saluta la fontana, più modesta ma più funzionale. L’acqua è fresca e dissetante come non mai. Solitamente quando si ha sete, l’acqua fresca, è sempre la più buona che abbiamo mai bevuto. Ci bagniamo i cappelli, riempiamo le borracce e scendiamo sull’Aurelia. Si gira a sinistra ci infiliamo nella breve galleria dove a metà del tracciato sul lato destro, dietro ad un vetro, si trova in bella vista una statua della Vergine. Fino a qualche decade fa, gli autisti erano soliti suonare il clacson per salutare la Signora dei Cieli. Ora invece vige un bel cartello con il divieto assoluto di tale usanza, pena l’ammenda immediata.

            Galleria Ruta di Camogli e vergine del clacson

            Sentiamo di essere quasi arrivati alla fine della tappa odierna. Già ci immaginiamo un pranzo consumato come dei cristiani, seduti ad un tavolo, con un po’ di fresco a farci compagnia ed un viso amico che ci prenda la comanda.

            In questo momento ci troviamo a Ruta di Camogli comoda anche per improvvisare una visita al bellissimo e rinomato borgo marinaro di Camogli, oppure allungare di un poco la strada per giungere fino a San Rocco, anche di questa località ne resterete magicamente estasiati. Ma torniamo un po’ a noi. Dal Km 501 sull’Aurelia, c’è uno dei tanti accessi che porta alla fitta ragnatela dei sentieri del Parco di Portofino ed in base a dove abbiamo prenotato la struttura il giorno dopo è da qui che ricomincerà nuovamente il tutto.

            Scrivici compilando il form sottostante per aiutarti ad organizzare al meglio il cammino.

              Nome: *

              Cognome: *

              E-mail: *

              Telefono: *

              Provincia: *

              Tipo di Esperienza: *

              Data di Partenza: *

              Numero di Persone: *

              Note (Campo Richiesto): *

              Accetto la Privacy Policy

              Elenco delle Tappe:

              • Descrizione
              • Tappa 1 (tipologia: terra / montana)
              • Tappa 2 (tipologia: terra / montana)
              • Tappa 3 (tappa tecnica e corta in prevalenza su asfalto di collegamento verso il monte di Portofino)
              • Tappa 4 (tipologia: terra / traghetto / asfalto)
              • Tappa 5 (tipologia: asfalto, mulattiere, e poi in litoranea fino a Chiavari)