Anello per MTB dei Borghi Incantati della Val Graveglia

anello dei borghi incantati della val graveglia

Grande anello per MTB dei Borghi Incantati della Val Graveglia

Località: Rocchette – Zatta – Case Soprane – Botasi – Gosita – Zerli – Frisolino – Caminata – Conscenti – Chiesa Nuova – Prato di Pontori

Come arrivare al punto di partenza Itinerario Anello dei Borgi incantato della Val Graveglia

Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

Scarica la traccia dell’itinerario ad anello dei Borghi della Val Graveglia in formato .gpx e .kml

(I formati .gpx o .kml possono essere aperti tramite le seguenti app per smartphone: GPX Viewer, Open GPX Tracker, GMaps ecc.)

profilo altometrico dei borghi della val graveglia 37km

Descrizione Sintetica

Ci troviamo in alta Val Graveglia e più precisamente in Località Rocchette di Botasi nel Comune di Ne, a circa 700 m. s.l.m. Da qui oggi vedrà il via la nostro Itinerario ad Anello dei Borghi della Val Graveglia della lunghezza di 37,5 Km parte dei quali su strade non asfaltate e comunque su strade secondarie. L’itinerario ad anello come tutti quelli proposti da Tigullio Trekking ripercorre il tracciato del Piccolo Anello dello Zatta ma allungandolo di oltre 20 Km. Questo tracciato risulta essere molto affascinante e non particolarmente impegnativo. Esso si snoda sulle vie della Val Graveglia attarversando prima le pendici dello Zatta e poi innumerevoli borghi della Valle. Roccette, Case Soprane, Botasi, Zerli, Conscenti, Chiesa Nuova, Prato di Pontori, Visagna, solo per citarne alcuni. Come da legenda che riporta tutti i dislivelli arriveremo a toccare gli 830 m. s.l.m sulla sterrata sotto lo Zatta per poi discendere nella parte più bassa al livello del mare in quel di Conscenti.

Livello di Difficoltà: Per tutti.

tigullio trekking biotigullio5terre point rocchette val graveglia anello zatta

La Partenza

Lasciamo alle nostre spalle il piccolo borgo di Rocchette seguendo la strada in ghiaia e pietre che ci ha condotto fino a qui, all’andata. Alla fine dello sterrato, voltiamo a destra in salita sulla piccola carrozzabile asfaltata. Dopo circa 400 m. ci troviamo ad attraversare il piccolo abitato storico di Visagna. Sulla nostra sinistra scorgiamo un bel panorama che da su tutta la valle, da cui sono visibili una porzione delle numerose cave di pietra per cui questo territorio è conosciuto. Si sale ancora in maniera costante, dopo 600 m., ci troviamo ad affrontare una curva a gomito con una pendenza importante che ci porta sulla cima di un pianoro.

Qui svoltiamo nuovamente a destra imboccando in salita la strada sterrata con una sbarra che è lasciata sempre aperta (non vige nessun divieto di transito se non ai motorizzati non residenti). Ecco che entriamo finalmente nell’ambiente che ci è più connaturale: lo sterrato.

inizio sterrato anello monte zatta

Strada Facendo tra Monte Camilla e Monte Zatta

Da ora in avanti comincia il divertimento vero e proprio. Si procede su un sedime inizialmente bello ed aggraziato che si trasforma presto in accidentato: pietre, terra battuta, ghiaia grigia, nera e bianca e piccole-medie feritoie che le piogge durante la stagione invernale hanno segnato sul terreno. A tutta prima si prosegue in piano, ma a seguire scopriamo una discesa importante che va affrontata con una certa cautela. Il terreno sconnesso non ci viene in soccorso. Giunti in fondo, si comincia a risalire pian pianino, prima con un falso piano per poi attaccare un’ascesa vera e propria. Gli sforzi saranno presto ripagati da questi panorami e da queste vedute. Purtroppo, come tanti itinerari in Liguria, non troveremo molta acqua, soprattutto d’estate. Quindi è sempre bene fare il pieno.

vedute anello zatta pendici monte camilla

ll tracciato continua ad impegnarci non poco. Un continuo sali e scendi, unito ad un’altra discesa impegnativa, anche se su lunghezze non significative mette a dura prova sia le nostre gambe che le nostre braccia, ma soprattutto non ci deve mai abbandonare la nostra soglia di attenzione che deve essere sempre super vigile. Finalmente arriviamo ai piedi dello Zatta e da sotto cominciamo a vedere sia Reppia che in lontananza Arzeno. In questa fase dell’attraversata, anche d’estate, dovrebbe affiorare dal terreno lungo una chinetta sulla sinistra, una sorgente fresca che ci permetterà di riempire la borraccia e di rinfrescare testa e viso.

vedute anello zatta

Mancano altri 2 Km dei 7 in totale su strada sterrata che devono essere percorsi prima di arrivare alla tanto attesa terra battuta e ghiaia bianca, alle spalle del Passo del Biscia. Una volta giunti qui consigliamo di concederci una bella ma soprattutto meritata sosta e di godere di questi magnifici paesaggi disseminati di prati verdeggianti e rigogliosi (questa foto è stata scattata ad agosto, immaginateli a settembre o ottobre). Non potrà mancare qualche scatto ricordo con l’immancabile selfie della spedizione.

radure e prati anello dello zatta spalle passo biscia

Strada Facendo tra Case Soprane, Prato di Arzeno, Botasi e Zerli

Ci affranchiamo dalla frescura e riprendiamo il nostro Anello della Val Graveglia. La strada tutta in piano ed a tratti in discesa, da terra battuta lascia il posto ad un asfalto assai approssimativo. Incontriamo le prime case che ci indicano l’avvicinarci alla provinciale non prima di aver superato un paio di sbarre, sempre aperte. Giungiamo in località di Case Soprane per raggiungere nel giro di 1 Km la località di Prato di Arzeno che scandisce anche l’ingresso sulla SP26. Ora ci attende una bella discesa che percorriamo a tutta velocità prima fino a Botasi 450 m. s.l.m. Da qui scendiamo ancora per 4,5 Km fino ad incontrare, prima del ponte, il bivio sulla destra che indica per Zerli.

tratti finali sterrato anello zatta

Ora comincia una bella strada di campagna, che tra curve e tornanti torna a salire. Sulla via ci saluta anche la Chiesa di San Rocco a Gosita, poi si continua a salire ancora fino a Zerli per un totale di circa 3,5 Km. Ora si torna a ridiscendere fino a Frisolino per altri 3,5 Km. Seguendo questa deviazione ci evitiamo tanta strada provinciale, che in settimana è anche satura di traffico pesante. Inoltre andiamo a scoprire una cornice della valle unica nel suo genere, con tanti campi e piane coltivati ad uva, a cipolle (le rosse di Zerli) ed a patate.

anello dei borghi della val graveglia gosita e zerli

 

Strada facendo tra Frisolino, Caminata, Conscenti Chiesa Nuova e Prato di Pontori

Eccoci nuovamente sbucare sulla SP 26. La prendiamo sulla destra seguendo in piano le indicazioni per Conscenti che raggiungiamo in un batter d’occhio in quanto dista solamente 3,5 Km tutti divisi tra pianura e discesa. Giunti al capolinea si svolta nuovamente sulla destra. Ormai siamo al livello del mare, quindi questi ultimi 12,5 Km saranno piuttosto impegnativi in quanti ci ricondurranno a circa 700 m. s.l.m. Si segue prima la strada comunale Via di San Biagio fino a Chiesa Nuova di San Biagio e poi a Case Dogana. Infine arriviamo sulla Via Pontori ed attraversare la località di Prato di Pontori.

anello dei borghi della val graveglia chiesa nuova pontori

Strada Facendo tra Terisso, pendici del Monte Zatta e ritorno a Rocchette

Ancora tre bivi e pochi Km ci dividono dalla posizione attuale al far ritorno nel borgo di Rocchette che ci ha visto partire di buon ora. La direzione da seguire è sempre quella per il Botasi/Monte Zatta. Prese le tre deviazioni, imbocchiamo il bel sterrato che ci accompagna per circa 2,5 Km. in piano fino al borgo di Visagna e poi infine a quello di Rocchette.

Quest’anello ha riscosso tanti feed positivi e speriamo che anche a Voi sia piaciuto così come a tanto altri amici del progetto Tigullio Trekking.

anello dei borghi della val graveglia terisso botasi monte zatta

 

Tigullio Trekking Point – Degustazioni, Relax, Divertimento ed Ospitalità

  • Oasi nel Verde
  • Possibilità di degustare moltissimi prodotti del Territorio
  • Parcheggio al sicuro
  • Ospitalità
  • Connessione wi-fi gratuita

Contattaci e Vieni a trovarci nella Splendida Val Graveglia

    Accetto la Privacy Policy

    Grande anello per MTB del Monte Zatta tra Val Graveglia Valle Sturla e Val di Vara

    grande anello monte zatta val graveglia valle sturla val di vara

    Grande anello per MTB del Monte Zatta tra Val Graveglia Valle Sturla e Val di Vara

    Località: Rocchette – Montemoggio – Passo del Bocco – Scurtabò – Valletti – Passo del Biscia – Arzeno – Case Soprane – Botasi

    Come arrivare al punto di partenza del Grande Anello dello Zatta tra le Valli: Graveglia, Sturla e Vara

    Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

    Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

    Scarica la traccia del Grande anello dello Zatta tra le Valli Graveglia, Sturla e Vara in formato .gpx e .kml

    (I formati .gpx o .kml possono essere aperti tramite le seguenti app per smartphone: GPX Viewer, Open GPX Tracker, GMaps ecc.)

    dislivelli grande anello mtb monte zatta val graveglia valle sturla val di vara

    Descrizione Sintetica

    Ci troviamo in alta Val Graveglia e più precisamente in Località Rocchette di Botasi nel Comune di Ne, a circa 700 m. s.l.m. Da qui oggi vedrà il via la nostra avventura MTB su un itinerario della lunghezza di 53 Km parte dei quali su strade non asfaltate e comunque strade secondarie. L’itinerario è molto affascinante e si snoda attraverso ben tre valli: quella del Graveglia, quella del Vara, toccando infine anche quella dello Sturla nel Comune di Mezzanego. Come da legenda che riporta tutti i dislivelli arriveremo a toccare i 1.060 m s.l.m dopo il Passo del Bocco per poi discendere nella parte più bassa ai 394 m. s.l.m. nel Comune di Varese Ligure, risalendo gradualmente agli 890 m. s.l.m. del Passo del Biscia, dove imboccheremo qui la SP 26 che ci condurrà dolcemente verso la fine del nostro anello odierno.

    Livello di Difficoltà: Per tutti.

    tigullio trekking biotigullio5terre point rocchette val graveglia anello zatta

    La Partenza

    Lasciamo alle nostre spalle il piccolo borgo di Rocchette seguendo la strada in ghiaia e pietre che ci ha condotto fino a qui, all’andata. Alla fine dello sterrato, voltiamo a destra in salita sulla piccola carrozzabile asfaltata. Dopo circa 400 m. ci troviamo ad attraversare il piccolo abitato storico di Visagna, sulla nostra sinistra scorgiamo un bel panorama che da su tutta la valle, da cui sono visibili una porzione delle numerose cave di pietra per cui questo territorio è conosciuto. Si sale ancora in maniera costante, dopo 600 m., ci troviamo ad affrontare una curva a gomito con una pendenza importante che ci porta sulla cima di un pianoro. Da qui comincia un tratto in terra battuta e ghiaia di circa 2,5 Km che ci conduce fino al bivio per Terisso/Semovigo.

    grande anello dello zatta bivio terisso semovigo

    Strada Facendo per Semovigo e San Siro Foce

    Imbocchiamo la strada sulla destra per Semovigo che inizialmente si presenta in pianura ma dopo un paio di chilometri andiamo ad affrontare un importante strappo in salita fino a raggiungere la bella località di Semovigo. Raggiunto il cartello successivo seguiamo le indicazioni per San Siro Foce e Passo del Bocco. Da adesso fino a raggiungere San Siro Foce (circa 3/4 Km) 480 m. s.l.m., la strada, anche se stretta, è tutta in discesa ed inoltre si presenta con un asfalto appena rifatto.

    semovigo san siro foce passo del bocco

    Strada Facendo per Montemoggio e Passo del Bocco

    Giunti a San Siro Foce, svoltiamo sulla destra in salita immettendoci sulla provinciale SP 26 Bis. Anche questa strada si è appena rifatta il trucco, difatti presenta un sedime ineccepibile. Da adesso in avanti si sale, si sale e si sale ancora per circa 9 Km. fino a raggiungere il Passo del Bocco. Prima superiamo la località di Montemoggio, a seguire cadenzati cinque magnifici tornanti ad U, il primo subito dopo Montemoggio, il secondo circa 2 Km dopo e gli altri 3 a distanza di 1 Km l’uno dall’altro. Eccoci giunti allo strappo finale che pian pianino si trasforma in falso piano fino a raggiungere la cima del Passo (circa 2,5 Km.) Al Passo del Bocco 956 m. s.l.m. è d’obbligo una sosta per godere di un po’ di ristoro, aria fresca e perché no una bibita o uno spuntino presso una delle due strutture presenti a bordo strada. Da questa arteria spesso transita il Giro d’Italia, per questo motivo che l’asfalto è sempre in ottime condizioni.

    montemoggio passo del bocco 956m slm

    Strada Facendo per Cassego, Scurtabò e Valletti

    Lasciamoci alle spalle il Passo del Bocco svoltando a destra in direzione di Varese Ligure. Di qui in poi dimentichiamoci l’asfalto di prima. Entrando nella frescura della faggeta che segna la fine della Provincia di Genova e l’ingresso in quella di La Spezia, ci aspettano quasi 20 Km., prima di leggera salita, poi in falso piano ed infine in discesa fino al bivio per Valletti. Arrivati in Loc. Valletti ci da il benvenuto una bellissimo ‘treuggio’ l’antico lavatoio con della freschissima acqua sorgiva. Fatta una breve sosta per toglierci di dosso un po’ di polvere e riempire la borraccia si riparte trovando sulla destra le indicazioni per il Passo del Biscia.

    comuneglia valletti passo del biscia

    Strada Facendo Valletti – Passo del Biscia

    Finalmente la strada che piace a noi: quasi 10 Km tutta in sterrato e di quello buono. A tratti in salita, poi piano, falso piano, e di nuovo salita fino al Passo del Biscia a 895 m. s.l.m. Lo sterrato si collega direttamente in cima al Biscia sulla strada provinciale SP 26. Giunti qui è d’obbligo un’altra breve sosta per ripensare al bell’itinerario che stiamo lentamente consumando ed ammirare la bellezza del paesaggio circostante.

    valletti passo del biscia

    Strada Facendo verso Prato di Arzeno, Reppia, Botasi e Rocchette

    Lasciamoci il Biscia alle spalle per andare a concludere la tappa odierna portandoci a casa tanti bei Km macinati attraverso tre magnifiche valli dell’entroterra del Tigullio: la Val Graveglia, la Valle Sturla e la Val di Vara. Non ci resta che spingere le nostre bici a tutta velocità attraversando le verdeggianti praterie della conca del Biscia, per giungere ad Arzeno, poi nuovamente in discesa fino al bivio di Reppia che ovviamente saltiamo in direzione Botasi ed in ultimo imboccare sulla destra quello per Picchetti / Monte Zatta. Eccoci giunti nuovamente al punto di partenza, con qualche segno in più, ed un po’ di fatica sulle gambe ma con tanta felicità e spensieratezza dentro ognuno di noi.

    passo del biscia arzeno

    Tigullio Trekking Point – Degustazioni, Relax, Divertimento ed Ospitalità

    • Oasi nel Verde
    • Possibilità di degustare moltissimi prodotti del Territorio
    • Parcheggio al sicuro
    • Ospitalità
    • Connessione wi-fi gratuita

    Contattaci e Vieni a trovarci nella Splendida Val Graveglia

      Accetto la Privacy Policy

      Itinerario ad anello per MTB in Val Graveglia Monte Zatta

      Itinerario ad Anello in Val Graveglia Monte Zatta

      Itinerario ad Anello per MTB in Val Graveglia: Rocchette – Monte Zatta – Case Soprane – Arzeno – Reppia – Botasi

      Come arrivare al punto di partenza dell’Itinerario Anello dello Zatta in Val Graveglia:

      Da Spezia: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione di San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

      Da Genova: A12 Uscita Lavagna: seguire in direzione San Salvatore di Cogorno >> Ne >> Conscenti, qui al bivio a destra restando sulla strada principale SP26. Proseguire in direzione Passo del Biscia, superiamo Caminata >> Frisolino >> Pian di Fieno ed infine Botasi. Giunti a Botasi svoltare sulla sinistra imboccando via Picchetti/Monte Zatta si prosegue per circa 2,5 Km in salita, fino al nostro Point in Località Rocchette a circa 700 m. s.l.m.

      Scarica la traccia dell’Itinerario ad anello in Val Graveglia del Monte Zatta in formato .gpx e .kml

      (I formati .gpx o .kml possono essere aperti tramite le seguenti app per smartphone: GPX Viewer, Open GPX Tracker, GMaps)

      dislivelli anello zatta val graveglia

      Descrizione Sintetica

      Ci troviamo in alta Val Graveglia e più precisamente in Località Rocchette di Botasi nel Comune di Ne a circa 700 m. s.l.m. Da qui oggi vedrà il via la nostra avventura MTB su un itinerario della lunghezza di 14,5 Km gran parte dei quali su strade non asfaltate. Ci troveremo ad attraversare le pendici dei Monte Camilla 1.001 m., Monte Cian 1.108 m., I due versanti dello Zatta 1.355/1.404 m., Monte Prato Pinello 1.390 m. Monte Coppello 1.062 m. ed infine il Monte Chiappozzo 1.126 m.

      Livello di Difficoltà: Per tutti.

      tigullio trekking biotigullio5terre point rocchette val graveglia anello zatta

      La Partenza

      Si parte. Lasciamo alle nostre spalle il piccolo forte quasi disabitato di Rocchette seguendo la strada in ghiaia e pietre che ci ha condotto fino a qui, all’andata. Allo stop, voltiamo a destra in salita sulla piccola carrozzabile asfaltata. Dopo circa 400 m. ci troviamo ad attraversare il piccolo abitato storico di Visagna, sulla nostra sinistra scorgiamo un bel panorama che da su tutta la valle, da cui sono visibili una porzione delle numerose cave di pietra per cui questo territorio è conosciuto. Si sale ancora in maniera costante, dopo 600 m., ci troviamo ad affrontare una curva a gomito con una pendenza importante che ci porta sulla cima di un pianoro. Qui svoltiamo nuovamente a destra in salita imboccando la strada sterrata con una sbarra che è lasciata sempre aperta (non vige nessun divieto di transito se non ai motorizzati non residenti). Ecco che entriamo finalmente nell’ambiente che ci è più connaturale: lo sterrato.

      inizio sterrato anello monte zatta

      Strada Facendo tra Monte Camilla e Monte Zatta

      Da ora in avanti comincia il divertimento vero e proprio. Si procede su un sedime inizialmente bello ed aggraziato che si trasforma presto in accidentato: pietre, terra battuta, ghiaia grigia, nera e bianca e piccole-medie feritoie che le piogge durante la stagione invernale hanno segnato sul terreno. A tutta prima si prosegue in piano, ma a seguire scopriamo una discesa importante che va affrontata con una certa cautela. Il terreno sconnesso non ci viene in soccorso. Giunti in fondo, si comincia a risalire pian pianino, prima con un falso piano per poi attaccare un’ascesa vera e propria. Gli sforzi saranno presto ripagati da questi panorami e da queste vedute. Purtroppo, come tanti itinerari in Liguria, non troveremo molta acqua, soprattutto d’estate. Quindi è sempre bene fare il pieno.

      vedute anello zatta pendici monte camilla

      ll tracciato continua ad impegnarci non poco. Un continuo sali e scendi, unito ad un’altra discesa impegnativa, anche se su lunghezze non significative mette a dura prova sia le nostre gambe che le nostre braccia, ma soprattutto non ci deve mai abbandonare la nostra soglia di attenzione che deve essere sempre super vigile. Finalmente arriviamo ai piedi dello Zatta e da sotto cominciamo a vedere sia Reppia che in lontananza Arzeno. In questa fase dell’attraversata, anche d’estate, dovrebbe affiorare dal terreno lungo una chinetta sulla sinistra, una sorgente fresca che ci permetterà di riempire la borraccia e di rinfrescare testa e viso.

      vedute anello zatta

      Ma non è ancora finita. Mancano altri 2 Km dei 7 in totale su strada sterrata che devono essere percorsi prima di arrivare alla tanto attesa terra battuta e ghiaia bianca, alle spalle del Passo del Biscia. Una volta giunti qui consigliamo di concederci una bella ma soprattutto meritata sosta e di godere di questi magnifici paesaggi disseminati di prati verdeggianti e rigogliosi (questa foto è stata scattata ad agosto, immaginateli a settembre o ottobre). Non potrà mancare qualche scatto ricordo con l’immancabile selfie della spedizione.

      radure e prati anello dello zatta spalle passo biscia

      Strada Facendo tra Case Soprane, Prato di Arzeno, Botasi e Rocchette

      Ci affranchiamo dalla frescura e riprendiamo il nostro Anello dello Zatta. La strada tutta in piano ed a tratti in discesa, da terra battuta lascia il posto ad un asfalto assai approssimativo. Incontriamo le prime case che ci indicano l’avvicinarci alla provinciale non prima di aver superato un paio di sbarre, sempre aperte. Giungiamo in località di Case Soprane per raggiungere nel giro di 1 Km la località di Prato di Arzeno che scandisce anche l’ingresso sulla SP26. Ora ci attende una bella discesa che percorriamo a tutta velocità fino a Botasi 450 m. s.l.m.. Da qui si svolta a destra in Via Picchetti/Monte Zatta per raggiungere nuovamente Rocchette dopo circa 2,5 Km.

      tratti finali sterrato anello zatta

      Tigullio Trekking Point – Degustazioni, Relax, Divertimento ed Ospitalità

      • Oasi nel Verde
      • Possibilità di degustare moltissimi prodotti del Territorio
      • Parcheggio al sicuro
      • Ospitalità
      • Connessione wi-fi gratuita

      Contattaci e Vieni a trovarci in Val Graveglia

        Accetto la Privacy Policy

        English EN German DE Italian IT